L’etica non e’ delegabile. 

L’etica definisce i valori della convivenza civile e che stabiscono il patto di convivenza. Sono valori costituenti. La morale definisce i comportamenti delle sigole persone che discendono dall’accettazione del patto di convivenza. I temi etici sono pre-politici: fondano e fanno da base alla politica, intesa come attivita’ di governo e gestione del patto di convivenza, attraverso le leggi. E la politica si realizza attraverso la democrazia rappresentativa. Che e’ democrazia delegata: sui temi politici gli eletti legiferano in nome dei cittadini. Perche’ le materie politiche e di governo sono complesse: implicano competenze, conoscenze, informazioni, valutazioni specialistiche e di dettaglio che e’, ovvio, che i “delegati”, deputati e senatori, abbiano e i cittadini no. I temi etici, invece, attengono ad una sfera pre-politica: i valori e il patto di convivenza tra noi tutti. Che vengono “prima” della politica. E le stanno al di sopra. Gli Stati civili, infatti, inseriscono questi temi in Costituzione: il patto pre-politico ( al di sopra della politica) che regola la convivenza in uno Stato. Valori pre-politici o etici, si badi bene, non significano credenze in base ad una religione. Tutti, laicamente, abbiano convinzioni, idee, valori, principi, opinioni pre-politici sul patto di convivenza. E questi sono pre-politici. E’ su di essi che fondiamo l’accettazione della politica e su cui deleghiamo i politici a governarci. Su di essi la politica dovrebbe osservare un riserbo. E un rispetto: legiferare solo dopo un dibattito che coinvolge i cittadini direttamente e, persino, singolarmente. Non si dovrebbe mai legiferare sui “temi etici” senza dibattito pubblico. Che coinvolga, in primis, i cittadini ( i soggetti del patto di convivenza) e non solo gli eletti in Parlamento. Se ci sono temi che dovrebbero essere oggetto solo di referendum questi sono i temi etici. Le Unioni civili non sono un tema etico. Regolano dei rapporti civili, normalizzano situazioni di fatto, garantiscono protezione a condizioni individuali che, altrimenti, sancirebbero condizioni di ingiustizia e disparita’. Invece il matrimonio omosessuale e’ un tema etico. Ed e’ un tema etico tutto cio’ che riguarda la procreazione, la riproduzione e la genitorialita, tra cui le adozioni. Questi temi dovrebbero essere sottratti alla sfera delle cose su cui la politica puo’ decidere senza un approfondito, lungo, paziente confronto. E senza affidarsi, con referendum, all’opinione dei cittadini. Per questi motivi ha ragione che si oppone a inserire, nel tema delle Unioni Civili, le questioni del matrimonio, della genitorialita’ e del diritto dei figli.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...