Quando Parigi valeva una messa. E pure due. 

Verdini e’ una scusa. In Spagna i socialisti hanno iniziato a discutere con Podemos ( estremisti di sinistra) per formare un governo ma hanno dovuto arrendersi e, ora, dialogano con un partito centrista come Ciudadanos. In Francia, alle elezioni regionali recenti, per la prima volta e’ scesa in campo la dsistenza e il patto “repubblicano” tra socialisti e destra moderata gollista contro l’estrema destra. In Germania i socialisti sono al governo con il centro. In Grecia la sinistra, per restare al governo, si e’ clamorosamente divisa dagli estremisti e ha fatto ricorso ai voti del centrodestra . Dovunque in Europa si governa con il rosa moderato, con l’ealleanza con la destra moderata e con il centro-sinistra. E non con la sinistra. In Italia il Pd puo’ governare, per i numeri al Senato, solo contando sui voti del centro e di una parte della destra. Altrimenti va a casa. Nel passato, prima che arrivasse Renzi, alcuni leader della minoranza Pd ( D’Alema in primis) tenevano lezioni sulla necessita’ che, nella prospettiva del governo, il partito della sinistra fondasse la sua politica sulle “alleanze al centro”. sul centro-sinistra (col trattino). Parigi ( il governo) valeva bene una messa. E pure due. Ora che c’e’ Renzi la minoranza Pd ha abbandonato una delle idee forza della storia della sinistra di governo fino all’Ulivo ( compreso): la centralita’ delle alleanze al centro. In tutto il mondo se la destra si spacca ( Verdini) per sostenere la maggioranza di sinistra, quest’ultima esulta.  Tutti la prendono come una vittoria della sinistra. Qui da noi diventa una sconfitta. E la minoranza del Pd si straccia le vesti. Roba da pazzi.  In Italia se la maggioranza di centro-sinistra vota compatta su un tema strategico di riforme ( unioni civili) la minoranza Pd insorge. Fa credere che per lei sarebbe stato meglio la rottura della maggioranza e la crisi del governo. Tutto questo e’ politicamente demenziale. La minoranza Pd, unica in Europa, vive con fastidio l’unica condizione che oggi consente, nel nostro continente, una sinistra al governo: l’alleanza con il centro, con i moderati e con una parte della destra. Una politica che, per decenni, e’ stata un must per la sinistra di governo. ora e’ abbandonata. E per che cosa? Non e’ dato vederlo. I numeri sono quelli che sono: o si governa con parte del centro e della destra o si va a casa. Non ditemi che D’Alema e soci sono diventati in vecchiaia cosi’ puristi da avere a noia alleanze di centro-sinistra. Loro le farebbero subito appena sbarcato Renzi. O no?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...