Copiate Tel Aviv, invece di piagnucolare!

E’ ora di sfatare alcuni tabu’. E a, dispetto dell’ipocrisia dei politici europei, dirci la verita’. Sfatando alcuni tabu’ dei nostri politici. Primo tabu’: “i terroristi vogliono cambiare la nostra vita quotidiana. Noi la continuiamo come sempre”. Errato. La nostra vita quotidiana deve cambiare. Io accetto di cedere un po’ di privacy, di liberta’ di movimento, di autonomia individuale in cambio di maggiore sicurezza. Oggi ho paura di continuare come sempre la mia vita quotidiana e ho paura delle mie abitudini e di quelle dei miei figli: quando io o loro prendiamo una metro, quando loro sono in una discoteca , quando siamo in un ristorante di Roma o Napoli o seduti al bar di una grande piazza e in qualunque altra attivita’ pubblica. Comincio ad avvertire la casa come un rifugio sicuro. Chi mi dice che e’ questo che vogliono i terroristi lo prenderei a sberle. Lo so anch’io. Ma non e’ dicendo ” continua come sempre” che mi togli la paura. La nostra vita, dopo Parigi e Bruxelles, deve cambiare. E adeguarsi alla realta’ del terrorismo islamico. Va scambiata un po’ di liberta’ con piu’ sicurezza. E io mi sento piu’ sicuro e ho meno paura se vedo soldati armati e cani poliziotto nei luoghi pubblici, per strada, nelle metro, agli angoli di via. Mi sento piu’ sicuro se vedo metal detector nel maggio numero di posti possibili. Ricordo il senso di sicurezza che provai a Tel Aviv nei luoghi pubblici della citta’: controlli, discreti ma controllo! Copiamo dagli israeliani che col terrorismo di strada ci convivono da sempre. E non mi pare che si sentono in caserma. Il terrorismo nostrano lo abbiamo sconfitto con le leggi speciali e il diritto di emergenza. Rassegnamoci: occorre qualcosa di analogo. Un po’ di garantismo deve essere scambiato con la sicurezza: questa polizia belga che scarcera sospetti terroristi, tornati dalla Siria, come fossero turisti in vacanza fa schifo. Secondo tabu’: i terroristi sono nichilisti. Senza vera religione o ideologia. L’Islam non c’entra. Sarebbe bello fosse cosi’. Sarebbe piu’ facile se al posto del Corano, come spiegazione potessimo usare Dostojievskij. Purtroppo no. Leggete delle vite dei terroristi di Bruxelles. Sono giovani islamici qualunque che vivono tra noi da sempre e che si sono radicalizzati. Il brodo di coltura della radicalizzazione e’ la miscela di due cose: la versione fondamentalista dell’Islam (che e’ sempre esistita) coniugata con l’avvento dello Stato islamico. Con l’Isis il fondamentalismo islamico si e’ fatto ideologia politica: l’Islam che vince. Ne discende: se l’Isis non perde l’ideologia politica dei terroristi non e’ depotenziata. Le nostre Br si squagliarono anche perche’ il comunismo crollo’. Con questi e’ lo stesso: toglietegli l’Isis e tutto cambiera’. Ergo: occorre distruggere l’Isis. Seccade il modello cade l’ideologia. E l’Isis si distrugge militarmente. Con la guerra. Vera. Terzo tabu”: i musulmani che vivono da sempre tra noi sono integrati, pacifici e inoffensivi. Certo. La maggioranza si. Ma non tutti. Ci fa male dirlo: ma nei quartieri multietnici di Parigi e Bruxelles la malapianta ha contato su reti di complicita’, protezione e nascondigli. Se la polizia avesse sottoposto quei quartieri a controlli, ispezioni e arresti da dopo Parigi, forse avremmo qualche morto di innocenti europei in meno. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...