Pensate all’Italia non alle trame 

Ora diciamo noi quello che Renzi non puo’ dire. I Cinque Stelle erano, fino ad oggi, la speranza di una parte dell’opposizione a Renzi: quella interna al Pd che si fa influenzare, ancora, da D’Alema. E si’. Perche’, per rovesciare l’espressione di D’Alema contro Renzi, se c’era un “partito senza popolo” in cerca di un popolo era questa parte della minoranza Pd. Che ha da tempo trovato, politicamente, questo “popolo” nei 5 Stelle. D’Alema non e’ stupido: lui ha scommesso sui 5 Stelle pensando di usarlo come contrafforte della battaglia interna. Dopo le amministrative ha pensato: ” Renzi, grazie al successo dei pentastellati, e’ potenziamente in minoranza nel paese. Ora l’offensiva per cambiare la sua politica e fargli perdere prima il referendum, poi le elezioni e poi il partito e’ possibile”. D’Alema e’ l’unico, nella minoranza del Pd, che non parla di modifiche all’Italicum. Perche’? Perche’, a differenza di Bersani e Speranza, sa che i 5 Stelle non vogliono, sinora, modificare questo Italicum. E per questo lui irride a Bersani e Speranza che ne chiedono la modifica. Renzi ha avuto veramente paura che il perfido ragionamento di D’Alema poggiasse su una verita’: i 5 Stelle, dopo le amministrative, potevano vincere. Io non ho mai creduto potesse essere cosi’. Ma oggi Renzi si puo’ rassicurare: la Raggi, quella che D’Alema ha endorsato, ha dato un colpo mortale, in soli due mesi, alle aspettative sui 5 Stelle. Ora sono D’Alema e i suoi vecchietti della sinistra per il No ad essere un “partito senza ( piu’) un popolo”: i pentastellati si stanno suicidando. Il celebrato D’Alema “totus politicus”, il celebrato erede della doppiezza togliattiana ha toppato. Il rancore ( e forse l’eta’) lo ha messo fuori strada: ha scommesso sui 5 Stelle e ora sfarina. E allora Renzi smetta di preoccuparsi. E il resto della minoranza Pd resti lontana dalle trame di D’Alema, prenda coraggio, si schieri per il Si e si convinca: con Renzi lei deve convivere. Trovi un accordo. E difenda il Pd visto lo spettacolo di Roma. Per il bene dell’Italia lasci perdere D’Alema. Non ci sono alternative oggi al PD : la stabilita’ e la forza del Pd coincidono , lo si voglia o no, con la stabilita’ dell’Italia. Senno’ arriva il Direttorio. Spero almeno senza piu’ il web master Di Maio. Il Pd e’ Partito della Nazione oggi piu’ che mai. Fuori di esso c’e’ lo sfascismo. Meglio intendersi col Pd, invece, che sfasciarlo. Farebbe bene a farci un pensiero su questo pure Berlusconi. Faccia nascere il secondo partito della Nazione. E’ ora che pensiamo tutti all’Italia invece che alle trame. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...