Peggio di Salvini e Grillo? Monti e D’Alema

C’e’ gente che si sta comportando molto peggio di Salvini, Landini e Grillo. Sono i trasformisti e i politici, non populisti, che sanno la verita’ ma se ne stanno fregando. Per puro odio politico. E stanno partecipando ad un’avventura contro il Paese. Con leggerezza e irresponsabilita’. La verita’? Monti e D’Alema ( e altri) sanno bene che la realta’ dell’Italia oggi non consentirebbe una vittoria del No. Renzi non puo’ dirlo ( lo accuserebbero di ricatto) ma i freddi analisti internazionali lo stanno dicendo: l’Italia e’ fortemente esposta al rischio dell’instabilita’. E, per i mercati finanziari, instabilita’ vuol dire default. L’Italia, dei tre anni di Renzi, dopo l’austerita’ di Monti e Letta, e’ solo un paese in via di guarigione. Non e’ guarita: il nostro debito e’ ancora alto, la nostra crescita e’ ancora insufficiente, il nostro deficit e’ ancora alto sul Pil. Avremmo bisogno di comunicare ai mercati che le riforme vanno avanti e si implementaranno. Il governo dovrebbe potersi concentrare sull’economia per aprire, con la nuova legge di stabilita’, una seconda fase: la politica della crescita. Stiamo comunicando, invece, che il governo potrebbe, il 5 dicembre, essere bloccato. Non solo. Ma potrebbe essere battuto da una maggioranza in cui prevale chi e’ contro l’Euro e per l’exit italiano dall’eurozona. Un disastro. Bocciare una riforma,  quella sottoposta a referendum,  con ( magari) qualche difetto tecnico,  vale nessuna riforma e , perdippiu’, l’instabilita’? Non vale. Come volete che reagiscano i mercati? Come stanno reagendo: lo spread si rialza, i nostri Btp sono gia’ al doppio di quelli spagnoli ( la Spagna ha ritrovato stabilita’), l’Italia e’ considerata di nuovo a rischio. Anzi e’ tornata ad essere, dopo Grecia e Portogallo, l’anello debole dell’eurozona. Non raccontiamo chiacchiere: e’ tutta colpa della paura di instabilita’. E Monti, D’Alema e altri ( non Berlusconi che e’ ormai perso alla ragione e alla logica e prigioniero degli egoismi dei suoi notabili di merda, ha ragione Parisi) lo sanno: in presenza di instabilita’, i comportamenti dei mercati  saranno automatici e invitabili: i soldi scappano dai posti instabili. E’ una legge. E sanno che a fermare il default non bastera’ rassicurare, come loro fanno, che non ci sara’ crisi e che ” Renzi puo’ rimanere” ( come loro dicono). Ipocrisia. Se il governo sara’ sconfitto e azzoppato, l’instabilita’ sara’ conclamata. Non bastera’ che Renzi rimanga: un premier sconfitto e’ instabile. Per definizione. E il default si mettera’ in moto: inarrestabile e inevitabile. Finiremo come la Grecia di due anni fa. E arrivera’ la Troika. Non illudiamoci: l’Italia non e’ la Gran Bretagna. Non e’ un associato esterno dell’Euro. E’ un fondatore dell’Euro. L’Italexit e’ una stupida illusione. L’Europa, a differenza del Brexit, sarebbe travolta da un default o exit italiano. Quindi e’ giusto che l’Europa si preoccupi della situazione italiana e sara’ inevitabile che, in caso di vittoria del No,  corra ai ripari. Tutto questo, in cuor loro, D’Alema, Monti e gli ex ministri lo sanno. E allora? Come si fa a non pensare che, neinrecessindell’animo, questi signori pensano ad una riedizione, dopo la vittoria del No, della situazione di emergenza del 2011: un governo istituzionale. Che rassicuri l’Europa. Sarebbe un delitto. Non siamo ” politicamente” nelle condizioni del 2011: dopo una vittoria del No ( a differenza del 2011) un governo senza destra e populisti sarebbe un vulnus democratico. E, forse, sarebbe anche numericamente impossibile. E, inoltre, oggi abbiamo un governo che sta facendo le riforme ed e’ ( a differenza di Berlusconi nel 2011) in condizioni di trattare da pari con l’Europa le condizioni. Senza troika e commissariamenti. Se Renzi e’ azzoppato torneranno troika e commissariamenti. E l’austerita’. “Cosi’ e’ (se vi pare) “, direbbe Pirandello: il vero grande analista sociale del novecento italiano. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...