Referendum: inutili e truffaldini

Ma e’ giusto spendere soldi pubblici e sprecare tempo della politica per celebrare referendum, palesemente, non solo inutili e solo ideologici, ma anche ingannevoli e truffaldini verso gli elettori? Con la riforma Boschi bocciata il referendum abrogativo veniva rivisto e reso piu’ serio. Ora siamo tornati alla ginnastica referendaria per usi solo ideologici e politici. La Cgil ai  due referendum residui, dopo il no della Corte a quello sull’articolo 18, non ci pensava proprio. A lei interessava solo colpire il Job Act e l’articolo 18. Perche’ tra  i tre referendum proposti, solo quello bocciato dalla Corte riguarda una riforma fatta da Renzi. E loro e’ contro le riforme Renzi che volevano il referendum. La Corte, pero’ ha smontato il giochetto: il quesito sull’articolo 18 e’ stato bocciato perche'” estensivo e propositivo”. Cioe’ non si limitava a ripristinare norme precedenti ma, in modo improprio e illecito ( con un trucco di taglio e cuci), estendeva le norme alle aziende oltre i 15 dipendenti. Un trucchetto pacchiano. E una figura di cacca. Di cui la Camusso dovrebbe rendere conto ai suoi iscritti e alla sua organizzazione, innanzitutto. Ora sono rimasti i due referendum “minori” della Cgil: vouchers e appalti. Nessuno dei due riguarda riforme di Renzi. Ma visto che sono rimasti , i leader della Cgil, pateticamente, ora fanno finta di dargli importanza. Sono, invece, palesemente inutili. E stavano li’ solo a far da cornice cosmetica al pezzo forte ( ora bocciato) della loro iniziativa: la modifica, con un trucco illecito, del Job Act ( articolo 18). Perche’ inutili? Perche’ in entrambi i referendum la Cgil ci propone  di cancellare norme che loro stessi sanno che andrebbero poi rapidamente riscritte e rapprovate. Pena il caos. E pena, addirittura, il peggioramento netto delle condizioni per i lavoratori interessati dalle norme, eventualmente,  cancellate dai referendum. Loro stessi dicono, ad esempio, che i vouchers non andrebbero del tutto eliminati ma solo “regolati e limitati”. Altrimenti la cancellazione dei vouchers significherebbe solo il ripristino del lavoro nero. Ergo: dopo il referendum sui vouchers occorrerebbe riapprovare i vouchers. Ci vedete una logica? Non e’ meglio, eventualmente (come propone il governo) correggere in Parlamento? Analogamente sugli appalti. E’ un referendum truffaldino e bugiardo. Si fa credere che ci si propone, col referendum, di introdurre la “responsabilita’ solidale”, in caso di conflitti di lavoro, dell’azienda madre (chi appalta il lavoro) sull’azienda figlia ( sub-appaltatore ). Bugia. La “responsabilita’ solidale” c’e’ gia’ nelle leggi. Le norme che la Cgil vuole cancellare sono norme che regolano la “responsabilita’ solidale”. E che vennero introdotte ( non da Renzi ma da Monti) per rimuovere un caos, nelle cause di lavoro nelle aziende sub-appaltatrici, che bloccavano i lavori, danneggiavano i lavoratori dei sub-appalti e rendevano, nei fatti, inapplicabile la ” responsabilita’ solidale”. Oggi, in piu’ si sono anche aggiunti ( a regolare il subappalto nel settore pubblico)  il nuovo Codice  degli Appalti e il controllo dell’Anac.C’e’ da modificare qualcosa? Si faccia in Parlamento. Che senso ha cancellare norme che ricreano il caos e quindi andrebbero subito riscritte? Insondabile inviluppo mentale dei dirigenti Cgil. E alla sinistra Pd andrebbe chiesto: ambedue i referendum ( vouchers e appalti) riguardano norme del governo Monti. Non di Renzi. In quel governo la minoranza Pd contava. Eccome. Ora se ne dimentica per seguire la Camusso. Non sarebbe corretto difendere le cose fatte?  Anche contro i cervellotici argomenti della Cgil? Ma, si sa, la coerenza dei suoi comportamenti parlamentari non appartiene alla sinistra del Pd. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...