Strabici

Il Pd  sottovaluta il voto moderato. Dalla Spagna all’Olanda ( passando, speriamo, per Francia e Germania) questo voto sta cambiando la geografia politica europea: sta frenando il populismo che, fino a ieri, sembrava vincente. C’e’ un elettorato centrista e moderato, spaventato dall’estremismo populista e dalla sua retorica antieuropea, che sta reagendo. Questo elettorato e’ socialmente maggioritario in Europa. E anche in Italia. Ma era sembrato, per molto tempo, distaccato, indifferente, diviso, passivo. Ora che il populismo, il lepenismo, il nazionalismo, il trumpismo si sono fatti pericolo “reale”, i cittadini europei si ribellano. Soprattutto essi avvertono che l’Europa e’ lo scudo rispetto alle ricette dei populisti. Gli elettori moderati europei, la maggioranza, avvertono che affrontare le novita’ del mondo (dall’immigrazione al terrorismo, da Putin al trumpismo) con il sovranismo, il nazionalismo e l’autarchia dei populisti sarebbe un disastro. La maggioranza dell’elettorato in Europa, percio’, si sta ribellando al populismo e al radicalismo estremista. E in Italia? Siamo strabici. Siamo l’unico grande paese europeo in cui, specie grazie alla restaurazione del sistema proporzionale, un partito populista, i Cinque Stelle,  puo’ diventare primo partito. Che fanno, allora, i partiti che dovrebbero reagire a questo pericolo? Si voltano dall’altra parte. Forza Italia scivola a destra verso gli estremisti antieuropei di Lega e fascisti. E il Pd? Sarebbe, sulla carta, l’unico argine al populismo. Ma e’ paralizzato da un incredibile e farsesco fenomeno: il suo dibattito politico e’ monopolizzato, condizionato e sviato in una direzione unilaterale, elettoralmente inutile e perdente, la sinistra. Diversamente che in Europa dove i populisti sono fronteggiati da leader vincenti,  che parlano a tutto il fronte elettorale, dal centrosinistra ai moderati, al centrodestra europeista e liberale, in Italia Renzi e’ costretto a confrontarsi  solo a sinistra.  Tutti imsuoi avversari o i contendenti si collocano a sinistra. E questo indebolisce il discorso del Pd. L’agenda del Pd e’ costretta a fare i conti con inutilita’, ubbie ideologiche, arcaismi che, elettoralmente, hanno un solo effetto: insospettiscono e impauriscono i moderati e li tengono lontani dal Pd. Alfano, in questo, non ha torto. Renzi e’ costretto a fare i conti con una realta’ apparente: che oggi, in Italia, esista un problema della sinistra. Falso. In Europa l’unica sinistra che sembra resista alla dissipazione e’ quella dell’Spd che governa con i moderati, e’ accesamente europeista e non cincischia con i populisti o non divaga coi simbolismi fossili della vecchia sinistra inutile ed arcaica ( come i socialisti francesi o i laburisti inglesi). Tra scissionisti, Sel, Sinistra Italiana, liste Pisapia, Camusso, Landini, Orlando, Emiliano- il caravanserraglio degli interlocutori con cui Renzi e’ costretto ad avere a che fare, tutti sedicenti di “sinistra”- Renzi rischia di perdersi i moderati.  Questo caravanserraglio e’ una sorta di “pensiero unico” che sta intrappolando e paralizzando il Pd con una falsa tesi e una rappresentazione surreale della realta’ : che il problema del Pd sia a sinistra. Mentre e’ l’opposto: perdere l’elettorato moderato. Tra tanti candidati e avversari di sinistra, Renzi avrebbe bisogno, forse, di un contendente dal versante opposto: qualcuno che gli ricordi che, per vincere le elezioni, lui ( l’unico che puo’) dovrebbe somigliare di piu’ ad europeisti, moderati e liberali, come Rutte, Rajoy, Macron, Merkel, lo stesso Shultz, che non ad una sinistra che non ad uno di….sinistra. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...