Lotta al cancro

Lezione da Napoli. Non siamo solo la citta’ dei Don Patriciello ma anche quella di Chiara Di Malta, genetista dell’Universita’ di Napoli. Don Patriciello e’ il manifesto dei falsi miti e delle bugie sul cancro. La genetica medica di Napoli, una specialita’, curiosamente, distintiva a Napoli e’ il manifesto delle verita’ sul cancro. Che il dilagare della ciarlataneria, delle campagne emotive, allarmistiche e demagogiche, oscurano. Anzitutto andrebbero sfatati i miti. E le credenze facili: il cancro come prodotto dello sviluppo, della modernita’, della ricchezza. Di cancro, e’ vero, si muore di piu’ ( 8 milioni di persone nel mondo). E le previsioni danno un aumento del numero dei casi diagnosticati nell’immediato futuro. Ma non e’ tutto dovuto agli stili di vita moderni. Intanto: a differenza di cio’ che dicono inciarlatani si muore di piu’, per cancro, dove c’e’ sottosviluppo, in Africa e nei paesi poveri. Ed e’ logico: li’ c’e’ meno cura, meno prevenzione e piu’ incidenza di fattori di arretratezza (tra cui, ricordiamolo, la minore incidenza delle vaccinazioni). La vera correlazione, persistente e diretta, del cancro con la mortalita’ ( che nei paesi industriali si allenta) e’ nel sottosviluppo, non nello sviluppo, dove invece per cancro ( curandosi meglio e diagnosticando per tempo la malattia) si muore sempre piu’ di meno. E poi, non dimentichiamo: la crescita dei tumori non e’ solo un numero assoluto ma relativo: sulla Terra siamo di piu’ e la statistica della patologia riflette questo fatto. E siamo di piu’ non solo perche’ ci riproduciamo di piu’ ( quello vale solo, ormai, per i paesi poveri). Ma perche’ il progresso ci ha allungato la vita: siamo di piu’ ma viviamo anche piu’ a lungo. Cosa ci dicono la genetica, la biologia molecolare, la ricerca sul funzionamento cellelurae? Che il cancro ha, principalmente una causa naturale: i meccanismi cellulari, la nostra biologia. E, purtroppo, vivendo piu’ a lungo si e’ piu’ esposti alla degenerazione cellulare e al cancro. Per due fattori naturali: le cellule lavorano di piu’ e piu’ a lungo; invecchiando attenuano la loro efficienza. Entrambi questi fattori ( che sono la bellezza pero’ del progresso) aumentano i rischi di degenerazione cellulare. E dunque del cancro. E’ la nostra biologia: il malfunzionamento cellulare scatena la proliferazione anomala delle cellule malate. E’ il tumore. Piu’ funzionano le cellule, piu’ tempo di funzionamento hanno ( invecchiare) piu’ aumenta la statistica della deviazione, del malfunzionamento. Le nostre cellule sono predisposte per riparare la degenerazione, il malfunzionamento. Ma, non sempre ci riecono. Le deviazioni, l’errore genetico puo’ capitare, capita. Statisticamente aumenta col tempo.La nostra biologia ha anch’essa un’entropia ( come ogni cosa): piu’ la cellula vive piu’ crescono i fattori di disordine. E’ questo, del resto, il meccanismo di ogni cosa. Ed e’, se ci pensate, la vera natura di quella cosa che chiamiamo tempo, tempo che passa. E’ un’illusione bugiarda far credere alla gente che il cancro ha cause artificiali, colpe sociali. Gli stili di vita ( fumo, virus, alimentazione ecc) sono solo tra i possibili fattori di rischio, scatenanti del malfunzionamento cellulare. Che e’ il cuore di tutto. Si possono avere stili di vita perfetti e sviluppare un cancro. Il “fattore di rischio” che la disinformazione e l’ignoranza interessata dei ciarlatani elevano a causa dei tumori, sono solo un fattore probabilistico di effetti scatenanti del cancro. Sempre una percentuale statistica: mai il 100% della causa del cancro! Diciamoci la verita’: la degenerazione cellulare ( la vera radice del cancro) non si eliminera’ mai finche’ saremo fatti di biologia e di DNA. Ma si puo’ ridurre il cancro ad una degenerazione inoffensiva, curabile, non mortale, che non fa piu’ terrore e paura. E non il luddismo e le processioni contro il progresso. Ma con la scienza. E, in primo luogo con la genetica. Di Malta ha dimostrato questo: conoscendo la vita cellulare si scovano i meccanismi naturali e biologici che scatenano la degenerazione e il cancro. Scovandoli li si puo’ maneggiare artificialmente per inibirne il malfunzionamento. E cosi’ inibire il cancro. Usiamo i soldi pubblici per finanziare la lotta al cancro. Come, giustamente, annuncia il governatore De Luca in Campania. Non buttiamoli a sostenere le processioni contro il progresso e le crociate anticulturali dei ciarlatani. 

La verita’, vi prego, sul clima! 

Sul clima c’e’ molta ipocrisia e isteria. Prevale un approccio ideologico, fondato sull’esasperazione catastrofista e di tipo religioso: gli scettici vengono bollati come “negazionisti”. Una accusa ridicola, faziosa e una litigiosita’ inammissibile. C’e’ un problema che i sostenitori degli “impegni sul clima” dovrebbero, con onesta’, affrontare: si e’ ridotto le politiche del clima, da almeno 30 anni, alla sola perorazione della riduzione imperativa delle emissioni di CO2 antropica ( prodotta dall’uomo in atmosfera). Questa perorazione e’ stata accompagnata da politiche impositive in alcuni paesi ( l’Europa piu’ di tutti) e costosissime. Dopo 30 anni le emissioni non sono mai diminuite. Incosti delle politiche climatiche sono aumentati. Ma inutilmente. Perche’ si nasconde questa verita’? Non ci sara’ qualcosa di sbagliato nell’approccio delle politiche del clima? Se ne puo’ parlare? Prendete Trump. Certo rozzo e politicamente scorretto. Minaccia di ritirare gli Usa dagli accordi di Parigi sul clima ( Coop 21). Dilaga l’isteria: che succedera’? Nulla. Vogliamo dire la verita’? La conferenza di Parigi e’ stata una grande bolla mediatica. E propagandistica. Usata dal governo francese per annunciare, un successo “storico”: la firma di un documento di “impegni” da parte di 195 paesi. Ma stava per fallire. Per la rivolta dei paesi poveri o in via di sviluppo che avvertono le politiche climatiche come costose, possibili solo ai ricchi e che bloccano il loro sviluppo. E pure tra i grandi ( esempio Cina e Usa) prevale il sospetto che le misure sul clima incidono sulla competitivita’ tra i paesi ricchi. Ma con effetti nulli sulle temperature. Per “salvare” Parigi e parlare di “accordo storico” ( enfasi dovuta alle elezioni in Francia) si e’ fatto credere “straordinario” un vago documento di impegni Quattro, per la verita’: tenere l’aumento di temperatura inferiore ai 2 gradi, e compiere sforzi per mantenerlo entro 1,5 gradi; diminuire le emissioni di gas serra “il prima possibile” per raggiungere, nella seconda parte del secolo, una produzione di gas serra sufficientemente bassa da essere assorbita naturalmente; controllare i progressi compiuti ogni cinque anni, tramite nuove Conferenze ( ogni cinque anni); versare 100 miliardi di dollari ogni anno ai paesi più poveri per aiutarli a sviluppare energia con meno CO2. Solo poche di queste disposizioni sono legalmente vincolanti. A quasi tutte i vari paesi aderiscono solo in maniera volontaria. Non solo: tutti i paesi sono obbligati dal trattato solo a fornire l’obbiettivo di riduzione delle emissioni a cui mirano. Che resta, pero’, deciso dal singolo paese nella sua sovranita’. E nemmeno subito ma fra alcuni anni. E non sono previste sanzioni. Insomma, com’e’ successo da 30 anni a questa parte, ogni paese avra’ margini per ignorare le raccomandazioni ( non sono vincoli) contenute nel documento. Ecco da cosa si ritirerebbe Trump: dal nulla. La verita’ e’: finche’ la riduzione di CO2 antropica in atmosfera sara’ perseguita con le politiche costose attuali, ribadite a Parigi, di restrizioni delle fonti fossili ( gas e carbone), di contrapposizioni di tecnologie ( fossili contro rinnovabili), di costosissime transazioni finanziarie ( incentivi impossibili alle rinnovabili, pagamento della CO2 emessa ecc) saranno solo propaganda. E le emissioni non diminuiranno. Queste politiche penalizzanti di limiti e divieti, peraltro solo conclamati, impattano pesantemente, l’economia e la competitivita’ di ogni paese. E appaiono, ai piu’ poveri, imperative e dispotiche. Percio’ la maggior parte dei paesi ha difficolta’ a perseguirla. E, infatti, da 30 anni le emissioni costano sempre di piu’ ma non si riducono. Ci sarebbero modi alternativi, e realistici, per ridurre la CO2 emessa dall’uomo? Certamente: con la tecnologia. Ambientalizzando ogni modalita’ di generazione energetica. O per la cattura della CO2 prima che vada in atmosfera. Ma la tecnologia implica costi, ricerca e investimenti. E tuttavia, siccome impatta positivamente e non negativamente sullo sviluppo e’ preferibile alle penalizzazioni costose ( e inutili) delle politiche attuali. Scegliere la tecnologia comporta la scelta di non demonizzare nessuna fonte di generazione energetica ( gas, carbone, nucleare, rinnovabili ecc) ma di rendere tutte le fonti, con la tecnologia, plausibili. La tecnologia impone razionalita’, pero’, pazienza, realismo,approccio riformistico e non catastrofico. L’opposto della religione del warming: che alza il livello del catastrofismo ma abbassa quello dell’efficacia delle misure per ridurre le emissioni di CO2. Come vedete “non nego niente” ( e ci sarebbero le ragioni). Constato! Quanto alle effettive verita’ sul cambiamento climatico, ad una prossima puntata.